Buona la prima, meglio la seconda

Ci ho riprovato. E, seguendo il mio auto-consiglio di allora, ho osato di più. Il risultato è stato decisamente migliore, ma si può ancora andare avanti. Avendole a disposizione, ho aggiunto agli ingredienti della volta scorsa (olio, aglio, alici, sgombro, timo, sesamo) delle splendide olive nere al forno denocciolate e sminuzzate al coltello. Rispetto al primo tentativo ho anche aggiunto un altro paio d’alici, un po’ più di timo e ho tostato meglio il sesamo (e forse su questi due ultimi ingredienti si può ancora lavorare per aumentarne il peso e l’incidenza; senza esagerare, però: qui sta il difficile).

img_1546

Al godimento sensoriale di ieri sera ha contribuito decisamente anche il vino. L’ultima bottiglia presente nella mia cantina del Verdicchio 2011 di Stefano Antonucci, equilibratissimo come sempre, praticamente perfetto. Urge un nuovo cartone da sei. 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...