Ancora ja’a facevo

Quattro anni dopo, con dieci chili di meno grazie a resezione intestinale, sarei quasi pronto a rifarla, la salita al Pizzuto da Roccantica. Ma, viste le regole della fase 2, dovrei andare da solo. Cosicché ho una buona scusa per limitarmi a ribloggare il post e a ricordare quella splendida giornata, la fatica fatta per arrivare in cima e la sensazione di pienezza provata una volta arrivato in cima. Quella cosa che dà un senso alle fatiche più improbe e che solo chi ama la montagna può capire.

enricogalantini

IMG_0387

Oggi, come autoregalo di compleanno leggermente anticipato, mi sono offerto la vetta del Monte Pizzuto. Mille e 288 metri metri sul mare (il cucuzzolo più alto dei Monti Sabini), un’arietta freschissima e un panorama a 360 gradi. C’ero già stato qualche anno fa con Sergio, ma passando per un’altra via. Questa volta sono salito (tre ore) dai 457 metri di Roccantica e poi sono sceso altre tre ore abbondanti in un’altra direzione: giù senza sentiero per un bosco scosceso fino ai Prati di Poggio Perugino, poi la lunga lunga lunga Valle Gemini, tra il monte Tancia da una parte e il monte Menicoccio dall’altra, e poi, dalle Pianelle sul Fosso di Galantina, l’ultima ora abbondante di saliscendi (soprattutto “scendi”, ma anche più di un “sali”) sul sentiero degli eremi giù fino a Roccantica.

Il tutto con Fra’ Massimiliano, che ha vent’anni e venticinque chili meno di me, e un…

View original post 108 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...