Si mmoro eppo’ arinasco

distico-ridotto

ggbelliChe bella grafia il poeta di Roma. E come è vero e sentito questo suo distico (pubblicato sul numero del 1943 della Strenna dei Romanisti). Così vero e così sentito che lo faccio mio. Anche se devo sostituire l’«arinasco» con un più modesto «nasco», visto che per i casi della vita a Roma purtroppo non sono venuto al mondo, anche se ci sono venuto a vivere a meno di un mese (così mi è stato detto) dalla mia nascita, che avvenne il 5 di maggio del 1953 nella clinica di Villa Rosa in quel di Bologna, poco fuori Porta S. Mamolo.

Insomma, anch’io, come Giuseppe Gioachino Belli,

Si mmoro eppo’ arinasco,
Pregh’Iddio d’arinasce a Rroma mia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...