Pico, un gelato davvero buono

Sono capitato per caso qualche giorno fa, andando dalla commercialista a ritirare la dichiarazione dei redditi, davanti a una gelateria che mi ha subito attirato. Era l’ora di pranzo, sono entrato, mi sono «sparato» una coppetta piccola (in realtà non tanto piccola, anzi, anche se costava due euro e mezzo ed era la più piccola che si potesse ordinare). Gusti, il classico zabaione, la classica nocciola e la superclassica panna.

PICO_web-10-1030x686

Lo zabaione (foto dal sito)

Beh, devo dire che mi ha impressionato. Tanto che oggi, dovendo andare a Roma e non lontano da quelle parti, mi sono ritagliato il tempo per ripassarci e approfondire la conoscenza. Oggi coppetta media (confesso che non mi ricordo quanto ho speso) e dei gusti «non» classici: croccante all’amarena (Amarene sciroppate di Cantiano, croccante alla nocciola, scaglie di cioccolato fondente Ecuador), ricotta romana  (Ricotta fresca di pecora, scorza di limone, croccante di mandorle di Avola) più l’immancabile panna (decisamente buona). Davvero notevoli (il croccante è assai sfizioso ma per il mio gusto la ricotta ha una marcia in più…)

PICO_web-12-1030x688

Il croccante all’amarena (foto dal sito)

PICO_web-11-1030x688

La ricotta romana (foto dal sito)

Il gelataio, per chi non l’avesse capito, si chiama Pico e sta in Largo XXI aprile, dall’altra parte della strada rispetto al palazzo in cui Ettore Scola girò Una giornata particolare. Merita la visita. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...