La svolta

IMG_7648

Prendi una fetta di cacio giovane (quello nel piatto qui sopra è stato fatto dieci giorni fa e fino a mezz’ora prima riposava nella stanza d’invecchiamento di Nonno Amarando), ci versi sopra un filo d’olio nuovo, cinque olive che Verdone definirebbe “greche” (e pure il pizzicarolo le chiama così, anche se io quelle che ho mangiato in Grecia, di olive, me le ricordo diverse), un po’ di pane casereccio, evvai: il pranzo è “svoltato”.

Se poi dopo ti mangi anche un po’ d’insalata condita con un pizzico di sale e il suddetto olio appena macinato e molto saporito, la svolta è completa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...