Elogio del pecorino (romano)

IMG_9179

Per certi tipi di pasta – amatriciana, ad esempio, o cacio e pepe – è imprescindibile. (Anche se certi pecorini appenninici andrebbero provati in variazioni sul tema – e sarebbero belle variazioni, alla faccia dei dogmatici…).

Ma a me il pecorino romano piace anche così, da solo, con un po’ di buon pane e magari qualche oliva nera al forno. Certo, non uno di quei pecorinacci secchi e salati a dismisura, che a solo guardarlo ti viene sete. Ma uno di quelli morbidi, tipo Brunelli, per capirci, tirato fuori dal frigo un bel po’ prima, in modo che sia bello sudato.

Insieme ci berrei un bel vermentino, sardo magari (tipo Canayli) oppure, perché no, provenzale, là dove l’uva vermentino la chiamano “rolle”. Ma se ci sono suggerimenti su possibili abbinamenti, siamo pronti a provarli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...