E anche sul più alto trono del mondo…

Unknown

Michel de Montaigne

Ho già detto del bellissimo libro che sto leggendo su Montaigne. E di come Sarah Bakewell sappia raccontare con notevole maestria, meglio di un romanzo, la vita e la filosofia di questo incredibile personaggio vissuto nel 500 in Guascogna. È davvero una scrittrice potente, la Bakewell: l’idea di definire Cartesio e Pascal come scrittori “horror” è impagabile. Ma per me la scoperta vera è stata l’introduzione al pensiero di Montaigne, alla sua filosofia, alla sua umanità. Un po’ mi vergogno di esserci arrivato ora che sono più vicino ai settanta che ai sessanta, ma poi mi consolo pensando che potevo non arrivarci mai…

Ieri sono rimasto folgorato da questo pensiero che, dice Bakewell, sta “alla fine dell’ultimo volume (degli Essais), nella sua versione finale”. E lo ricopio.

“È una perfezione assoluta, e quasi divina, saper godere lealmente del proprio essere. Noi cerchiamo altre condizioni perché non comprendiamo l’uso delle nostre, e usciamo fuori di noi perché non sappiamo cosa c’è dentro. Così, abbiamo un bel montare sui trampoli, ma anche sui trampoli bisogna camminare con le nostre gambe. E anche sul più alto trono del mondo non siamo seduti che sul nostro culo”. (III, 13, pp. 1496-1497)

2 pensieri su “E anche sul più alto trono del mondo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...