Un autunno lungo e mite

230px-Primo_Levi_bianco_e_neroSull’ultimo numero de La lettura c’è un articolo dedicato alla ripublicazione dell’opera in versi di Primo Levi. Una produzione di quantità ridotta, se sta tutta nelle 145 pagine del volume Ad ora incerta ristampato ora da Garzanti. Ma che deve essere di grande qualità, almeno a stare alla poesia pubblicata nel settimanale culturale del Corriere della Sera (per non parlare della recensione di Roberto Galaverni e, immagino, degli scritti critici di Fortini, Segre e Raboni, riportati anch’essi nel volume).

La poesia che correda l’articolo, intitolata Agli Amici, è tutta assai bella, con il suo canto trattenuto e il suo ritmo diseguale. Io sono  rimasto molto colpito dalla quartina che funge da chiusaQuattro versi, questi scritti il 16 dicembre 1985, che sento molto miei. Eccoli.

Ora che il tempo urge da presso
Che le imprese sono finite
A voi tutti l’augurio sommesso
Che l’autunno sia lungo e mite

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...