Ambrogio

Oggi è sant’Ambrogio. Che è un personaggio straordinario. Un uomo che aveva progettato la sua vita in un modo e che però viene chiamato a tutt’altro destino. Un destino che non aveva neanche preso in considerazione, ma che accetta svolgendo il nuovo ruolo che gli viene affidato al massimo delle sue possibilità. Che erano evidentemente assai significative. Un piccolo riassunto di una vita grande

santestorie

Io non ci pensavo per niente, a servire Dio. Fin da piccolo sapevo che, come tanti nella mia famiglia prima di me, la mia vita sarebbe stata dedicata a Roma e all’Impero. E l’idea mi piaceva sempre più, a mano a mano che crescevo. Ma poi la mia storia ha preso un’altra piega.

Nacqui ad Augusta Treverorum, dove mio padre era prefetto del Pretorio, e come tutti quelli della Gens Aurelia feci i miei studi nell’Urbe, dove tornai che ero ancora imberbe alla morte del mio genitore. Diventato uomo, fui per cinque anni avvocato in Pannonia a Sirmio, assieme a mio fratello Satiro, e poi Valentiniano mi richiamò in Italia, a Milano, sempre con mio fratello vicino. Era un grosso impegno, l’amministrazione di quelle terre, e io cercavo di svolgerlo, come sempre, al meglio delle mie possibilità.

Quando quattro anni dopo morì Assenzio, vescovo di Milano, il popolo, diviso tra…

View original post 271 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...