Il desiderio è negli occhi di chi guarda

Occhi di solitario, ragazzino attonito
che sorpresi a guardarci
in quella pinetina, accanto alla Facoltà di Lettere,
più di undici anni fa,

mentre mi staccavo,
ancora intontito di saliva e sabbia,
dopo esserci rigirati mezzo vestiti,
felici come bestie.

Il tuo ricordo, è curioso
con quale concentrata intensità di simbolo,
è unito a quella storia,
ala mia prima esperienza d’amore corrisposto.

A volte mi chiedo cosa sarà stato di te
E se ora nelle tue notti accanto a un corpo
torna la vecchia scena
e spii ancora i nostri baci.

Così ritorna a me dal mio passato,
come un grido sconnesso,
l’immagine dei tuoi occhi. Espressione
del mio stesso desiderio.

MoralidadesQuesta poesia, che s’intitola Peeping Tom, è tratta dalla raccolta Moralidades,  pubblicata nel 1966 da Jaime Gil de Biedma, nella traduzione di Luisa Capecchi pubblicata a sua volta nel numero 7 dell’Almanacco dello Specchio, quello del 1978.

Io la trovo bellissima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...