Parole da cerca’ cor moccoletto

Girando sulla rete sono capitato qualche giorno fa su una poesia in romanesco di un’autrice sconosciuta (a me), in cui  si fa una lista di parole ormai in disuso, “parole da cerca’ cor moccoletto”. E la lista (in tre endecasillabi e un settenario) è questa:

“gnommero, canoffiena, tatanai,
disdossa, berzitello, farajolo,
sbiossa, caratello,
precojo, spicciatore, miffarolo…”

Termini che equivalgono, in italiano, a

“gomitolo, altalena, confusione,
senza sella, giovanotto, mantello,
scossa, barilotto,
recinto, pettine, bugiardo…”.

trilussa-450x233Non sto qui a sottolineare la bellezza e l’immediatezza di queste parole (la gaddiana gnommero, la canoffiena, il tatanai, lo spicciatore) alcune delle quali mi giungono decisamente nuove. “Dal vivo” ricordo di aver sentito in casa solo “sbiossa”, probabilmente da mio padre, che era romano da sette generazioni, anche se per lui (come del resto per Trilussa) sbiossa, più che scossa, voleva dire botta, gran botta.

Come ricordo un’altra parola che usava papà, e che non ho ritrovato nella poesia, che era “sminfarolo”, che l’ingegnere usava un po’ in senso spregiativo. Di per sé vuol dire “suonatore”, ma mi ricordo che la tirava fuori ironicamente, quando entrava nella mia stanza, per qualche cantautore che stavo ascoltando e che a me piaceva tanto mentre a lui, evidentemente, no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...