La terra dei vulcani

Doveva essere una mattina riposante, due o tre siti abbastanza vicini al castello dove dormiamo, e poi ritorno a casa per riposare (in fondo è domenica e ieri il trasferimento da Lourdes a qui, con tappa a Conques, era stato abbastanza impegnativo).

Iniziamo da Le Monastier-sur-Gazeille, bel villaggio a pochi chilometri, dove una notevole chiesa abbaziale testimonia la presenza di un’Abbazia benedettina, quella di St. Théofrède (o St. Chaffre, come diceva il popolo) che nei secoli ha avuto grande importanza giungendo ad avere influenza fino al Piemonte. Oggi il monastier che ha dato il nome al villaggio non c’è più, l’edificio che ospitava i monaci è diventato museo del Tesoro della chiesa (e altro) e il castello dove viveva l’abate un altro museo. La chiesa ha una facciata romanica assai bella,

29D00710-2898-4B19-8452-A9FEFE26F871

con dei bei giochi di policromia ottenuti accostando le pietre vulcaniche di questo territorio che millenni e millenni fa era tutto un’eruzione. Vedi qui il particolare.

FA090607-79F2-4DEC-8CF9-594FB9C4DC8D

Questa policromia è tipica delle chiese dell’Alvernia. La si ritrova anche nei muri, con il semplice accostamento di pietre diverse. Affascinante. All’interno

7FE6FE94-75A4-4AE4-9536-0B3F6A563385

ha connotati romanici e gotici (venne abbondantemente rifatta nel XV secolo)

7A546655-13E1-459A-A059-0C6148FD4A73

e un organo che se non è il più antico di Francia poco ci manca, essendo datato 1518.

C2B855E9-E072-4D6E-AF01-B8E71774C914

Dopo Le Monastier il piano prevedeva la visita a due paesi, Moudeyres e Bigorre, tipici per le architetture rurali e i tetti in paglia, con tanto di ecomusei sulla civiltà contadina. Belli, non c’è che dire, se non fossero stati separati da una valle profonda per cui i pochi chilometri si sono rivelati “discese ardite e risalite” di cui oggi avrei fatto volentieri a meno.

D882595C-116B-47CA-896B-E5ACE79D942D

Una casa dal tetto di paglia a Moudeyres

Ma sono gli inconvenienti – invero sopportabilissimi – del viaggio. Specie quando lungo la strada trovi paesaggi a 360 gradi che ti tolgono il respiro…

E3C9E13A-D28C-4448-8AEB-863ACF11B990

C6607003-7892-445B-9F5F-1B0CB04B1128

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...