Mattine sabine

Freddo al naso. Non c’è niente da fare: a meno che tu non vesta come il capitano Ultimo, con tanto di passamontagna con due buchi per gli occhi e uno (opzionale) per la bocca, quando esci alle 8 del mattino con tre gradi tre di temperatura esterna, e lunghi tratti di sentiero all’ombra, quello che avverti è una morsa (vabbè, non esageriamo, una morsetta) di freddo al naso. È come avere addosso una mascherina di ghiaccio, il freddo lo senti proprio lì, molto più che sulla pelata. Sono gli effetti collaterali del benessere che ottieni passeggiando.

Chicca, foderata com’è di pelo, pare non sentirlo (per quanto…). Io lo sento e cerco i punti assolati. Sui bordi della strada, l’erba è ancora bagnata dalla rugiada della notte,

Versione 2

mentre per terra, sull’asfalto, ghiande e foglie di quercia formano belle nature morte.

IMG_7890.jpg

Chicca, fatto tutto ciò che è d’uopo fare la mattina presto, ha in premio la solita ciotola di croccantini, si sluffa tutto e torna a praticare il suo sport preferito.

IMG_7893

Io, dal canto mio vado in cantina: devo riempire sedici bottiglie e almeno dodici lattine, prima che faccia troppo freddo e l’olio geli. Saluti dalla campagna sabina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...