Quattro e quattro sette

unknownHo appena passato (ieri) eroicamente una mattinata (in realtà meno di un’ora: incredibile…) dal dentista, per un’estrazione e due impianti. E sono rimasto stupefatto dalla qualità e dalla precisione dell’anestesia. In cinque minuti la zona su cui intervenire era come se non facesse più parte del mio corpo: io sentivo quello strano scalpellino elettrico che ha sostituito la pinza colpire da varie parti la base del dente, troc-troc-troc, ma sentivo solo il rumore. E poi, quando hanno cominciato a preparare gli impianti (che è un po’ come quando si deve mettere uno stop nel muro…), anche lì, rumori, ronzii, vibrazioni ma nient’altro. Solo i punti mi hanno dato un po’ fastidio, ma più che altro per l’invadenza in bocca necessaria a chiuderli, quei benedetti punti.

Poi, una volta a casa, finita l’anestesia, è arrivato il dolore. Sordo, continuo, ma misurato. Sopportabilissimo, ma in aumento. Andando a letto ho preso un Oki e devo dire che l’efficacia dell’antidolorifico mi ha sorpreso anch’essa. Fantastica. In quattro e quattro sette il dolore è andato via e presto è arrivato il sonno. Stamattina, al risveglio, nessun dolore ma la mascella gonfia, non avendo potuto tenerci il ghiaccio sopra causa sonno.

Se mi vedesse Francis Ford Coppola, quasi quasi si pentirebbe di aver dato a quel Marlon la parte di Don Vito Corleone…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...