Una città… ducale

A pochi chilometri da Rieti, sulla Salaria, si trova Cittaducale, bel borgo medievale sopra la piana di S. Vittorino (proseguendo sulla statale n°4, dopo pochi chilometri, c’è la chiesa di cui ho parlato nel post precedente).

Se il biglietto da visita di un borgo è la piazza principale, la Piazza del Popolo di Cittaducale è un biglietto scritto in caratteri preziosi ma un po’ sovradimensionato rispetto

img_1618

img_1608

La torre del Comune

al resto della cittadina. Che comunque, fondata da Carlo d’Angiò all’inizio del 1300 e chiamata così in onore del figlio Roberto, duca di Calabria ed erede del regno di Napoli, porta ancora, nonostante i molti terremoti che l’hanno colpita nei secoli (tremendo quello del 1703), i segni della passata grandezza. Passeggiando per le viuzze  di Cittaducale s’incontrano bei palazzi, magari un po’ delabré, resti di archi medievali o di colonne inglobati nei muri, bifore o trifore qui e là, in un impianto cittadino nel quale la piazza è appunto il cuore.

Un cuore silenzioso, così grande da sembrare sempre un po’ vuoto. Anche, forse soprattutto, in una domenica d’ottobre, con un bel sole che scalda le pietre bianche del selciato, mentre nella chiesa di S. Maria del Popolo sta per iniziare la messa delle undici e nelle strade le persone con il vestito della festa si affrettano per non far tardi alla funzione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...