Ho limitato i danni, ma forse ho sbagliato

Diconsi “danni”, qui a Montopoli, le ultime infiorescenze, i piccoli frutti e le foglie più tenere che restano sulla punta della pianta di zucchine quando questa smette di produrre. E, quando smette di produrre, la pianta viene espiantata e sostituita con altre. Ma, nel toglierla, la si priva appunto delle “punte” che, mi aveva detto più  di una persona, sono buonissime da mangiare.

(La verduraia di Montopoli mi aveva detto anche di una bella ricetta locale: le si mettono in padella, così crude, le si cuociono con olio e cipolla, poi si fanno a zuppa con un po’ di brodo e, quando sono ben cotte, si mette la zuppa nella scodella, si apre un uovo sopra e si aggiunge tanto tanto parmigiano…).

Io, nel pulirle, forse ho esagerato in selettività, tanto che alla fine da otto piante mi è uscito solo questo
IMG_4312Che una volta cotto con un po’ di cipolla e una spruzzata di vino è diventato questo
IMG_4314Un po’ poco, in verità, ma, accompagnato da due uova all’occhio di bue e da un po’ di ciambella paesana, ha costituito la base di una buona cena.
IMG_4315La prossima volta sarò meno selettivo. Il problema è che la prossima volta sarà l’anno prossimo…

2 pensieri su “Ho limitato i danni, ma forse ho sbagliato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...