Per un’oliva pallida…

olive ammaccate

Amo le olive, comunque preparate: al forno (e poi più o meno condite), ammaccate alla calabrese (schiacciate con peperoncino e semi vari tra cui il finocchio), fatte macerare sott’olio con le alici (come le fanno da queste parti: bisogna solo avere la pazienza di aspettare qualche anno), oppure (forse soprattutto) quelle verdi, grandi e dolci (quelle che quando ero bambino venivano vendute assieme ai lupini: “olive dorci e fusaje”, gridava l’omino per la strada). E mi piacciono anche quelle ascolane, fritte ripiene di carne. O quelle ripiene di qualsiasi cosa.

Sono buone così da sole, arricchiscono mille piatti, ma secondo me il modo migliore per mangiarle è con il pane (un buon pane a lievitazione naturale) e un pecorino stagionato il giusto. Magari il tutto accompagnato da un bel Vermentino come il Canayli. Provare per credere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...