Quasi quasi mi cambio la macchina

Scritto per RadioArticolo1.

Sergio Marchionne

Quando uno dice le coincidenze.  L’altro giorno su tutti i giornali c’era Marchionne che parlava di come stanno andando le cose Fiat in Europa. E le cose non vanno affatto bene, con un primo trimestre “debole, i volumi in calo e anche i prezzi che non sono un gran che”, dopo i 500 milioni di buco dell’anno scorso. E se è difficile fare previsioni per il 2012, al massimo Marchionne diceva che nel 2014 il gruppo Fiat raggiungerà il break even, cioè il punto di pareggio in Europa. E a chi gli chiedeva se Fiat abbia intenzione di spostare la sede del gruppo, l’ad rispondeva: “L’unica cosa che conta sono gli stabilimenti e i lavoratori, oltre alle macchine che vengono vendute. Siamo una multinazionale: andiamo dove si fanno affari, siamo nomadi”.

Martin Winterkorn

Dicevamo delle coincidenze. Lo stesso giorno su Repubblica intervistavano Martin Winterkorn, l’ad di Volkswagen. Un’altra multinazionale dell’auto. Che però, a differenza di Fiat, va benissimo (+ 25 per cento nei ricavi, utile record raddoppiato a 15 miliardi e un bonus di 7.500 euro a dipendente) e ha in programma di diventare il produttore numero uno del mondo. La ricetta di Winterkorn? “Nel 2018 non vogliamo essere soltanto un’azienda che produce e vende 1O milioni di veicoli, bensì anche un’azienda con alti margini di profitto e quella che più d’ogni altra azienda dell’auto fa felici sia i suoi clienti sia i suoi lavoratori. Contano anche fattori qualitativi e sociali, non solo quantitativi”. E ancora: “La cogestione per noi è strategica, è valore costitutivo del nostro successo. Il ruolo del sindacato, anche nel Consiglio di sorveglianza, il dialogo continuo tra i nostri capi del personale e i leader del sindacato sono elementi decisivi della nostra forza”. Altro che nomadi, c’è modo e modo di essere multinazionale. E le cifre lo provano.

Non so voi, ma a me, a leggere queste parole, è venuta voglia di vendere la mia Fiat e di comprare una Volkswagen…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...