T2

A16B976C-2FBD-4726-9251-6B72F57B6560

Domani è il gran giorno. Andrò sotto i ferri e solo al risveglio saprò come è andata. Il chirurgo ha ribadito che la resezione del sigma è certa ma che solo aprendo saprà se potrà evitare “il sacchetto” (così lo chiamo io, lui ovviamente ha usato i termini giusti), che deve essere una gran rottura, seppure temporanea.
In questi giorni ho avuto tre paure: la prima, quella di non risvegliarmi dall’anestesia; la seconda, quella di risvegliarmi con il  “sacchetto”; la terza, quella di non poter più mangiare, dopo l’operazione, cose che amo tanto (dalla bieta alla ‘nduja). E l’intensità della paura era inversamente proporzionale alla gravità dell’evento temuto.
Oggi la paura è un tutt’uno, un mix indistinto, avvolgente, pervasivo. Anche se, a dirla tutta, mi sento una specie di ossimoro. Terrorizzato e allo stesso tempo tranquillo. T2, appunto.

2 pensieri su “T2

  1. Caro T2, un pensiero affettuoso per lenire la giustificata paura per i tre eventi elencati. Puccio, 2 anni fa, alla vigilia del suo intervento era solo un T : Terrorizzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...