Ai confini della realtà

“Ma secondo te, quanti anni ha Philippe?” “Mah, direi una quarantina.” “Ma sì, direi anch’io lo stesso: cinque più, cinque meno  l’età dev’essere quella.”

Eravamo arrivati da poco al castello e sull’età del nostro ospite (alto il giusto, fisico asciutto, barba curata e capelli corti – quanto contano i capelli…) Daniela e io eravamo d’accordo. Dopo cena, parlando del più e del meno, viene fuori il tema dei figli. Daniela dice l’età dei suoi, Philippe dice di avere due figlie, entrambe ben oltre i trent’anni. Attimo di panico. “Perché – faccio io – quanti anni hai?” (In realtà usiamo il voi, in francese, ma così suona meglio). “Sessanta” fa lui tranquillo.

Non so se è la vita al castello, l’aria buona dei boschi del Livradois, o chissà che altro ma è davvero incredibile. Da allora lo guardo con più attenzione e sono riuscito a dargliene 47-48, di anni. Di più mi rifiuto. Ci sono realtà troppo difficili da accettare. Non solo in Italia e non solo nella politica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...