Hashtag: che ossessione…

Oramai l’hashtag dilaga. Da Twitter (“social” dal quale non a caso sono uscito, nei fatti anche se non formalmente) a Facebook, da altri social (che comunque non frequento) alle trasmissioni televisive e ai telegiornali: è tutto un cancelletto, una moda ormai inarrestabile, non ne posso più.

48bc1ae88f43aa9845403d378ecdb830-wedding-hashtag-generator-being-used

Quando vedo un cancelletto, la prima tentazione è quella di spaccarlo. Capisco l’uso su Twitter (e infatti me sono ito via) ma su Facebook che senso ha? Potrebbe avere una qualche utilità se ci si rivolgesse a dei coglioni (guarda, sto parlando di questo, non ti sbagliare) ma se ti rivolgi a delle persone normali, perché categorizzare in questo modo quel pensiero che forse, dopo essere stato letto, sarebbe meglio che andasse perso nel tempo e nello spazio, come un messaggio senza bottiglia?

Senza parlare di quei post in cui ci sono più hashtag che parole. #Li prenderei #a cazzotti #quelli #che fanno #così…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...