Gli ultimi fuochi

Sta per andare in pensione, il mio iPhast. Sostituito da un iPhaster, l’ultimo modello (quello che fa pure il caffè). Ma, prima di cedere le armi, l’ex ragazzo vuol dire ancora la sua. E, complice questo inverno strano, mi regala due mattine di fine gennaio (il 25 e il 31) che valgono la pena di un post.

La prima, quella del 25, con sveglia (alla lettera) antelucana. Erano le 6 e 32 quando restano intrappolati nella mia memoria digitale questo cielo che si apre alla luce (con il blu della notte che piano piano trascolora) e il falcetto di luna (ma quello vero era ancora più sottile e quasi illuminato di luce propria).

img_2582

La seconda mattina, l’ultima del mese. Un’ora e spiccioli più tardi. Quando ho aperto le finestre, alle sei – sei e mezza circa, c’erano solo le nuvole e quasi niente luce. Ma poi, dal letto, ho intravisto che le cose erano cambiate. Con uno sforzo sovrumano mi sono rialzato e ho inforcato l’iPhast. Erano le 7 e 34. Ed ecco il risultato.

img_2607

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...