Arte pop. Ovvero, il risarcimento

Ieri mattina arrivato al ponte sul Farfa ho avuto una sorpresa. Sulla spiaggia sottostante, dove rimasugli di falò testimoniano di serate (soprattutto d’estate ma non solo) sul bordo dell’acqua, era comparsa una statua, con tanto di piedestallo.

IMG_6732Poi mi sono avvicinato. Anche Orsetta l’ha fatto, dopo un essersi sciacquate le zampe nelle acque (fredde) del Farfa.

IMG_6731

 

Ma quando ho guardato bene, la statua non era una statua. Erano un po’ di sassi, di diverse grandezze, appoggiati l’uno sull’altro. Fino a dare l’effetto della statua. Un bell’effetto, comunque, specie nella luce radente della mattina.

Un effetto ottenuto riusando in modo creativo le conseguenze del vandalismo tipico laziale, se non italiano. Quello che utilizza ogni anfratto come discarica, fino al punto di riempire di immondizia discese ripide (quasi impossibili da ripulire). O che, come nel nostro caso, spacca una panchina di similtravertino nell’angolo pic-nic accanto al ponte (per altro non molto curato…) per il gusto di farlo. La base della “statua” è infatti una delle “zampe” della panchina.

Non durerà, la statua, lo so. Ma la sorpresa c’è stata. Il piccolo risarcimento pure.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...