Lubitsch (e Raphaelson) al loro meglio

Ho già avuto modo di scrivere che Trouble in Paradise di Ernst Lubitsch (1932), scritto assieme a Samson Raphaelson, è il mio film preferito (non tutti i giorni, forse, ma la maggioranza dei giorni dell’anno, sì). Cercando ieri sotto la voce “mancia competente” (il titolo un po’ incongruo della versione italiana), ho trovato una piccola raccolta di alcune battute del film. Non so se sono le migliori – è un po’ che non lo rivedo, confesso – ma ne riporto tre per strappare un sorriso ai miei cinque lettori.

E. Everett Horton

E. Everett Horton

La prima. “No, François, vi ho detto di no. Vedete, François: il matrimonio è un errore delizioso che due persone commettono insieme. Ma con voi, François, sarebbe un errore e basta.”
Madame Colet (Kay Francis) a François Filiba (Edward Everett Horton).

La seconda. “Non vi scoraggiate così, caro maggiore: non siete l’unico uomo che non amo”.
Madame Colet (Kay Francis)  al Maggiore (Charles Ruggles)

Kay Francis e Herbert Marshall

Kay Francis e Herbert Marshall

La terza, immortale…
– Madame Colette… Se fossi vostro padre (ma per fortuna non lo sono) e voi tentaste  di occuparvi di questioni finanziarie, vi darei una buona sculacciata,,.
– E che fareste se foste il mio segretario?
– La stessa cosa.
– Siete assunto.
Gaston Monescu (Herbert Marshall) e Madame Colet (Kay Francis).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...