La prima doccia non si scorda mai

Agognata, attesa a lungo, alla fine anche un po’ temuta (andrà tutto bene? Non è che combino qualche pasticcio e mi ritrovo al via?), alla fine è stata doccia. Ricca, voluttuosa, con profusione di shampoo e bagnoschiuma e morbide grattatine sulla ferita a forma di punto interrogativo che con i suoi 22 punti ha il record assoluto per la mia martoriata gambetta destra che oggi, come una vera fenice, si accinge a risorgere dalle sue ceneri.

E dopo, pulito pulito, subito a fare la reazione avvolto nell’accappatoio e sotto la coperta. Come facevamo da bambini. Come cerco di non farmi mai mancare anche adesso che bambino più non sono. Quei momenti sublimi di totale rilassamento, quando sai – SAI – che lì, sotto le coperte, tutto coperto dalle coperte, nessuno ti può toccare e fare male, che quello è il tuo posto sicuro e sempre lo sarà.

IMG_3378Poi tocca risvegliarsi, riprendere il filo delle attività, darsi un po’ da fare. Ma l’effetto di una buona reazione dura abbastanza da farti riprendere il ritmo senza strappi. E se non c’è ritmo da riprendere, ti aiuta ad andare verso una morbida, morbida serata.

3 pensieri su “La prima doccia non si scorda mai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...