L’aurora dalle dita di rosa

Dalla mia finestra verso Salisano, 6 luglio, ore 5 e 50

Dice: invecchiare è una brutta cosa, ma almeno un vantaggio c’è: si dorme di meno, i giorni che hai davanti sono in numero sempre minore, ma almeno durano di più. Dico (da invecchiante): ma chi l’ha detta ‘sta cosa? Com’è che se m’alzo presto – cosa consigliabilissima in estate, visto che fa fresco e si può fare un sacco di cose – poi la sera, se non faccio una bella pennica all’ora di pranzo, sono un fantasma già alle 9 e 30?

Tra le cose belle dell’alzarsi presto, comunque, oltre alle passeggiate sul sentiero dei Pantani, c’è il momento dell’apertura delle persiane. Soprattutto in mattine come questa e a ore come questa. La luce a volte (e oggi era una di queste volte) è incredibile. E l’aurora è proprio come la dipinge Omero. Ha le dita di rosa e le usa sulla tela del cielo.

2 pensieri su “L’aurora dalle dita di rosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...